memoria negli anziani

Camminare a passo svelto per 20 minuti ogni giorno migliora le funzioni della memoria durante la terza età.
E’ quanto emerge da una ricerca del Centro per la salute e l’invecchiamento di Perth ( Australia), che ha condotto una sperimentazione di 18 mesi su due gruppi di ultra 65enni. Nello studio un gruppo ha mantenuto le normali abitudini, mentre l’altro ha eseguito, per 18 mesi, una media di 20 minuti di attività fisica al giorno, principalmente camminate vigorose.
Risultato: chi svolgeva attività fisica ha ottenuto risultati nettamente migliori in test di memoria e di altre funzioni cognitive. Non solo: i miglioramenti registrati, tra cui ricordare parole e un tasso di demenza inferiore, erano ancora evidenti un anno dopo la fine del programma.
Secondo gli autori dello studio, l’esercizio fisico è tra le migliori soluzioni per affrontare i problemi di memoria nella terza età.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: