i cardi, che passione

I cardi provengono dalla stessa famiglia dei carciofi con sfumature decisamente più dolci.
Ricchi di fibre, contengono principi attivi digestivi, diuretici e protettivi per il fegato.
All’acquisto preferite gli esemplari con coste chiare e prove di macchie verdi, che tendono ad accentuare il sapore amaro.
Prima di utilizzarli eliminate i gambi esterni, più coriacei.
Dopo averli lavati, con l’aiuto di un coltello, togliete gli eventuali filamenti fibrosi, quindi immergeteli subito in acqua e limone perché non anneriscono. Il tempo di cottura può essere di circa 30 minuti.
1) ricetta
Pulire i cardi,metterli in acqua con mezzo limone per non farli annerire.
Bollire l’acqua salata e lessare i cardi. A fine cottura scolarli bene. Passarli nel pan grattato mescolato con aromi vari a piacimento ( basilico, erba cipollina, dragoncello, pepe, curcuma etc) .
Disporli in una pirofila antiaderente e completare con un filo di olio.
Infornare a 200 gradi circa e gratinare. Servire caldi.
2) ricetta ( ripresa da Cucina Naturale)
300g di penne
350g di cardi
150g ricotta
40g di pecorino
1 spicchio di aglio, 1 peperoncino, mezzo limone,3-4 cucchiai di olio, sale.
1 scartate le parti fibrose dei cardi e riduceteli a tocchetti di un centimetro, immergendoli man mano in acqua acidula con succo di limone perchè non anneriscano
2 rosolate l’aglio e il peperoncino interi in una padella larga e dal fondo pesante. Unite i cardi scolati e fateli insaporire per 3-4 minuti, poi aggiungete mezzo bicchiere d’acqua, una presa di sale, mettete il coperchio e lasciate stufare per 10 minuti a fiamma media, in modo che l’acqua venga riassorbita. Alla fine togliete il peperoncino e l’aglio. Mettete di nuovo il coperchio sulla padella. (Se la pasta è quasi cotta, tenete i cardi sul fuoco minimo)
3 lessate, nel frattempo,la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela decisamente al dente e unitela ai cardi. Aggiungete la ricotta, stemperata con poca acqua di cottura della pasta. Insaporite a fiamma viva per un minuto.
4 servite le penne cospargendole col pecorino grattugiato oppure ridotto in scagliette sottili.
CON ACCIUGHE potete unire al soffritto di aglio e peperoncino un paio di filetti di acciuga, ben dissalati e ridotti in pezzettini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: